mangiafoco
Con i primi due Diari abbiamo portato i ragazzi con Pinocchio sui percorsi per una migliore raccolta differenziata e per un più consapevole uso dell’energia.

Dopo aver promosso l’acquisizione della consapevolezza che le sorti dell’ambiente dipendono da noi, dai nostri gesti quotidiani, dall’attenzione costante verso la natura e verso gli altri, nell’ultima classe della Scuola Primaria abbiamo voluto sensibilizzare gli alunni sul rispetto dell’ambiente.
Il terzo Diario affronta quindi il tema dell’ambiente, ma non solo quello dell’ecosistema.
Infatti, oggi l’educazione al rispetto per l’ambiente deve essere intesa anche, e forse soprattutto, come educazione al rispetto degli altri.
Il principio del non nuocere non si può limitare all’atto concreto della selezione del rifiuto o dello spegnere la lampadina inutilmente accesa.

La scuola, insieme alla famiglia, ha il ruolo di agenzia educativa nella realizzazione di una società e di un ambiente sostenibili, in quanto è il principale veicolo di cultura che determina il modo in cui i giovani si relazionano al mondo che li circonda.

La scuola gioca un ruolo fondamentale sull’orientamento degli stili di vita dei ragazzi e attraverso di loro, in parte, anche delle famiglie.

L’educazione ambientale, o meglio l’educazione alla sostenibilità, è lo strumento più efficace per superare stili di vita antiecologici non solo con le “buone pratiche”, ma soprattutto con una vera e profonda coscienza di essere parte attiva e responsabile dell’ambiente.

Con questo terzo Diario “Pinocchio rispetta l’ambiente” speriamo di dare un piccolo contributo, uno strumento che sia d’aiuto agli insegnanti e alla scuola per un ulteriore percorso.
Dopo l’approccio alla raccolta differenziata e quello all’energia, l’obiettivo diviene più alto e complesso: iniziare l’educazione alla sostenibilità ambientale nel senso più ampio del termine. Possiamo intraprendere questa via solo con il convinto apporto degli insegnanti, ai quali daremo tutto l’aiuto possibile in spirito di servizio alla scuola.