Il primo strumento del progetto è il Diario scolastico creato appositamente per sviluppare i tre temi proposti.
Nei Diari Pinocchio riprende la faticosa metamorfosi da legno a burattino, da burattino a uomo, ovvero da materia a oggetto e da oggetto a nuova risorsa. Si evidenzia come il variegato mondo dei rifiuti si può trasformare, attraverso una corretta raccolta differenziata, in un universo di risorse. 130 anni dopo la pubblicazione di Pinocchio, milioni di persone potrebbero dire che hanno vissuto consumando beni che non appartengono solo a loro, che molte riserve stanno per esaurirsi, come la luce di quella candela che Pinocchio trovò nel ventre del Pesce-cane, ultima luce per ritrovare Geppetto e riprendere con lui il cammino, si sta progressivamente e inesorabilmente affievolendo.
Occorre rafforzare e non disperdere la sensibilità dei giovani, fornire a loro, alle famiglie e alle comunità in cui crescono strumenti educativi per costruire il futuro. Un domani caratterizzato da uno sviluppo che apporti il più alto livello di benessere possibile a tutti gli esseri umani di ogni angolo del mondo. Una crescita compatibile con le risorse a disposizione che non devono essere sottratte alle nuove generazioni, a chi verrà dopo di noi.
Pinocchio ripensa il mondo, o meglio invita i ragazzi a ripensare al mondo come vorranno che sia. Da parte nostra dobbiamo restituire ai giovani le capacità necessarie per progettare e costruire il proprio avvenire educandoli, fin da piccolissimi, a risparmiare le risorse a disposizione.

Per un Paese come il nostro povero di fonti di energia fossile, risparmiare in questo campo vuol dire anche contenere la spesa pubblica e rendere l’Italia meno dipendente dall’estero. Siamo fermamente convinti che i cittadini, se coinvolti fin da bambini in un progetto comune, possono fare la differenza e siano l’energia fondamentale per il raggiungimento di questi obiettivi. Non sono necessari strumenti complessi; può essere sufficiente una maggiore consapevolezza di ciò che fa già parte della vita quotidiana di tutti noi a casa come a scuola.

I tre innovativi Diari svolgono la funzione di collegamento scuola-famiglia, nonché costituiscono un contributo trasversale che affianca le materie scolastiche senza indebitamente inserirsi nei programmi ufficiali. Il riscatto del Diario, strumento fino ad ieri spesso inutile ma molto “amico” dei ragazzi, come strumento utile rappresenta a nostro avviso un ottima occasione di “informazione didattica” per rendere i bambini responsabili, primi attori di un quotidiano volto a migliorare la qualità della vita e dell’ambiente in cui viviamo.
Ai Diari si affianca il presente sito web www.pinocchiofaladifferenza.it che, pur conservando il nome della prima iniziativa, si riferisce a tutto il ciclo. Qui gli alunni delle terze classi potranno trovare i questionari sulla raccolta differenziata e gli insegnanti anche di quarta e quinta potranno scaricare le schede didattiche dei tre Diari.